Sassari, lo sposo le da buca e la sposa porta tutti al ristorante

Nozze annullate all’ultimo momento: il militare e futuro marito non si presenta in chiesa e si barrica in caserma. Ma la donna e gli invitati non hanno rinunciato al banchetto nuziale e hanno deciso di festeggiare lo stesso dopo aver incassato il duro colpo.

Tutti in chiesa, ad attendere lo sposo. Ma lui non si è presentato e lei, la promessa, e i suoi familiari, sconcertati, furenti, infine amareggiati, hanno deciso di farsene una ragione. Hanno richiamato gli invitati già andati via e li hanno portati al ristorante, dove tutto era già pronto per la festa e il rinfresco: «Tanto, tutto pagato è». La storia d’amore senza lieto fine è andata in scena a Sorso (dieci chilometri da Sassari). Un anno fa in una discoteca quasi un colpo di fulmine fra Nadia, sulla soglia dei 40 anni, e Gianni, di 16 più giovane. Intesa immediata e decisione senza tentennamenti: nozze subito, rito religioso. Per tradizione a Sorso tutto – spese incluse – incombe sulla famiglia della sposa, che organizza anche cerimonia e rinfresco. Gianni non ha mai manifestato perplessità. Con Nadia hanno ricevuto da parenti e amici i regali (al paese si usa donare soprattutto somme di denaro consegnate ai promessi in buste chiuse) e la sera prima del matrimonio hanno messo a punto gli ultimi preparativi. Ma sabato nella cattedrale di San Pantaleo Nadia ha atteso invano.

Lo sposo barricato in caserma

Chiesa addobbata, invitati in giacca e cravatta, qualche signora con cappellino di paglia parasole, Lo sposo però è come disperso. Chiama la sposa, chiamano i fratelli, nessuna risposta. All’inizio don Luca, il parroco, ha cercato di minimizzare: «Aspettiamo… aspettiamo, verrà». Ma molti hanno notato: non c’era nessuno della famiglia di Gianni – che abita in un centro a 30 chilometri da Sorso – e neanche uno dei suoi amici. Dopo più di un’ora si è pensato a un impedimento grave e si è deciso di chiedere informazioni ai carabinieri (fra l’altro lo sposo promesso è militare, di stanza ad Alghero). Si è scoperto così che Gianni si era barricato in caserma, rifiutava di uscire e di dare spiegazioni e si è anche saputo che al suo paese nessuno era a conoscenza dell’imminente matrimonio. Con Nadia in lacrime («Almeno poteva dirmelo prima…», singhiozzava) il parroco ha dovuto annullare la cerimonia e il corteo di parenti e amici è ritornato mestamente a casa della sposa. Qui fra un’altalena di amarezza, indignazione e furia, con don Luca che cercava di spendere parole di consolazione, un familiare di Nadia ha proposto: «Ormai è accaduto e non si può rimediare. Forse un giorno si scoprirà che era meglio così. Perché rinunciare al ricevimento? E’ già tutto pagato». Un rapido giro di telefonate, gli invitati sono stati richiamati indietro e si sono ritrovati nel ristorante fra le campagne e il mare di Sorso, mentre su matrimonio mancato e promesso sposo in fuga, si scatenavano i commenti sui social: molti a Nadia gli auguri li hanno voluti fare comunque.

Fonte

Leave a Reply